Il mercato immobiliare del lusso in Italia

 In Andamento del mercato immobiliare, MERCATO IMMOBILIARE

Nel triennio 2019-2022, la richiesta di immobili di lusso da parte degli acquirenti è aumentata di quasi il 50%.
Una crescita maggiore rispetto a quella che ha interessato il mercato immobiliare nella sua globalità.

Queste le evidenze raccolte dal primo report italiano basato sui dati e focalizzato esclusivamente sul mercato degli immobili di alta gamma firmato da Immobiliare.it, il portale immobiliare leader in Italia, grazie alla collaborazione con LuxuryEstate.com, il portale internazionale che offre la più grande scelta al mondo di immobili di lusso.

Che cosa si intende per immobili di lusso?

Il mercato residenziale tradizionale si compone in prevalenza di appartamenti. Il mercato immobiliare del lusso, invece, si divide equamente tra appartamenti e soluzioni indipendenti.
Sono considerati immobili di lusso le abitazioni di tipo signorile (A/1), ossia fabbricati situati in zone di pregio con peculiarità costruttive o finiture di alto livello.
Nel lusso rientrano anche le ville (A/8), con caratteristiche simili alle abitazioni di tipo signorile ma indipendenti e dotate di un parco o di un giardino.

A caratterizzare le residenze di lusso è, solitamente, la metratura generosa e l’ampiezza dei vani, ma nella categoria ci sono anche appartamenti di metratura ridotta se ricavati dal frazionamento di ville o se si trovano in posizione di particolare prestigio.
Altro requisito fondamentale è la presenza di ampi terrazzi, piscine, campi sportivi privati.

Il report individua i principali ‘driver’ che regolano il comparto delle residenze di lusso in Italia, sviluppando un modello di classificazione degli immobili nei vari segmenti di mercato in base a tre livelli di prestigio (extra, large e small), che individuano le possibili combinazioni di superficie, prezzo al metro quadro e prezzo totale degli immobili sull’intero territorio italiano.

Dove si trovano gli immobili di lusso?

Analizzando la distribuzione geografica, la quasi totalità del marcato immobiliare del lusso si concentra nel Nord e nel Centro Italia.
Il 42% dell’offerta totale è localizzato a Nord-Ovest, area che si piazza al primo posto per il numero di immobili di lusso presenti.
Segue il Centro, dove la percentuale registrata è pari al 31%.
A chiudere la graduatoria c’è il Sud, con il 6% del patrimonio immobiliare di lusso italiano e le Isole con solo il 2%.
Il restante 19% della distribuzione sul territorio si trova a Nord-Est.

Lo studio analizza separatamente il mercato del lusso per ville e appartamenti. In Italia lo stock delle ville di lusso ha un valore monetario di 26 miliardi di euro, contro i 17 miliardi di euro degli appartamenti di lusso.

La città con i valori più alti è Milano, dove il mercato arriva a 5 miliardi di euro: perlopiù c’è disponibilità di appartamenti, il 98%, contro il 2% di ville. Nel triennio 2019-2022 la richiesta di abitazioni di prestigio, nel capoluogo lombardo, è salita del 30%.
Anche a Roma la domanda di immobili di lusso è in aumento: a fronte di un valore complessivo di 4,5 miliardi di euro, nella Capitale la richiesta è salita di quasi il 50% in tre anni.
Completano il podio Firenze e dintorni, con un valore di 2 miliardi di euro e una domanda cresciuta di poco più del 10% nel triennio preso in considerazione.

Immobili di lusso: domanda e costi

Così come la domanda degli immobili di alta gamma è cresciuta in modo costante, l’andamento dei prezzi mette in evidenza un aumento del 2%, sia per gli appartamenti che per le ville di lusso.
Nel report si sottolinea come, prendendo in esame i soli appartamenti, al Centro Italia e nel Nord-Est i valori siano rimasti praticamente stabili, al Nord-Ovest si sia registrata una crescita del 5% nei prezzi medi in due anni, nelle Isole l’aumento abbia raggiunto il 10% nello stesso arco temporale.
Nel Sud Italia, infine, i prezzi hanno continuato a diminuire nel triennio preso in considerazione.

Una curiosità sul mercato immobiliare del lusso?
L’analisi minuziosa ha anche evidenziato come gli immobili di lusso abbiano generalmente tempi di permanenza sul mercato più lunghi.
Il tempo medio di permanenza sul portale degli immobili di lusso che sono stati rimossi in un dato semestre (time to sell) si discosta di quasi 4 mesi da quello del mercato residenziale nel suo complesso, mentre per il tempo medio di permanenza sul portale degli annunci di lusso che si trovano online in un dato semestre (time on the market) il divario è ancora maggiore, circa 8 mesi.

Lascia un commento

mercato immobiliare BLOGimu 2022 scadenza Blog