I social network nel mercato immobiliare

 In Agenzie immobiliari, MERCATO IMMOBILIARE

Forse è la crisi, o semplicemente il progresso, sta di fatto che oggi anche gli operatori più statici e desueti del mercato economico italiano, in particolare di quello immobiliare, si stanno adeguando alle nuove tendenze.
Le agenzie, avvalendosi di una strategia di marketing immobiliare, si stanno sempre di più avvicinando al mondo dei social network per integrare la propria comunicazione verso i potenziali clienti.

Il marketing immobiliare

Il marketing immobiliare negli ultimi anni è cambiato e si è spostato progressivamente verso il mondo online e verso la condivisione degli affari nei social network. Sempre più professionisti immobiliari li utilizzano per fare un nuovo tipo di marketing, per creare nuove connessioni, per aumentare la propria visibilità, per avvicinarsi a un modo nuovo di comunicare, per creare nuove relazioni che possono trasformarsi in opportunità di business.

I canali di web marketing per distribuire messaggi e promozioni più usati sono: in primis Facebook, poi a seguire Twitter, Linkedin, Google Plus e Youtube; questi i più gettonati, ma a voler  continuare ad elencarli se ne potrebbero citare molti altri.

Facebook, il più famoso ed il più diffuso che conta più di 1 miliardo di utenti nel mondo, di cui 23 milioni solo in Italia, non è stato in realtà il primo social network ma ha avuto il merito di essere stato quello che ha meglio interpretato la necessità “sociale” di costruire ed aggregare in un unico contenitore, comunità tematiche in base alle proprie necessità (comunicative o ludiche), passioni o aree di affari, aggregando ad esse altri utenti e stringendo contatti di amicizia o di affari.

Le opportunità offerte dai social

Il panorama immobiliare odierno necessitava di un’area dove proporre idee, dove confrontarsi, dove creare discussione e il concetto Social sposa alla perfezione questa necessità. Con questi nuovi metodi di comunicazione, le Agenzie Immobiliari, pubblicizzano immobili, propongono servizi; gli Agenti più agguerriti e quelli che sfruttano meglio i canali social, sono quelli che riescono ad organizzare contest, proporre open house, consulenze in real time ecc. Malgrado ciò, nel settore immobiliare c’è ancora un approccio superficiale e una scarsa consapevolezza delle opportunità offerte dai social network.

Il canale di condivisione “Sei un agente immobiliare se…”, gruppo nato quattro mesi fa su Facebook grazie alla geniale intuizione dell’amico Raffaele, conta oltre 10mila iscritti. Hanno aderito Agenti Immobiliari indipendenti, legati a grossi franchising o ad associazioni di categoria, e chi vende servizi collaterali alla casa. Un Team di persone, con esperienze notevoli sul campo, che stanno facendo rete, condividendo esperienze di successo ma anche fallimenti, comunicando in modo diretto e in tono confidenziale.

Basta “fare un giro” su Facebook per trovare alcune agenzie immobiliari  che sono riuscite a creare una vera comunità di utenti/clienti. In queste pagine (pagine non profili) vengono saggiamente mescolati diversi contenuti: la pubblicazione di annunci immobiliari, attività orientate alla partecipazione attiva degli utenti, sondaggi.

Gli affari passano da internet

Sbalorditivo, in ambito del marketing immobiliare, è che il mercato degli immobili sul Web è cresciuto, anno dopo anno, del 39% secondo i dati diffusi da Immobiliare.it.

Chi cerca un appartamento in vendita o in affitto lo fa sempre più online.
C’è un dato però che stupisce: quasi un milione di italiani che si cimentano con questo tipo di ricerca non cominciano la loro indagine dai portali di operatori specializzati, bensì da Facebook. Su un campione di oltre 500 persone impegnate nell’acquisto o affitto di casa, il 21% di chi sceglie il web come canale di ricerca o vendita preferisce affidarsi al Social Network più popolare.

Oggi, e sarà sempre più così, gli affari passano da Internet, un mezzo di comunicazione straordinario che permette di moltiplicare per migliaia di volte quello che un tempo era la semplice vetrina dell’agenzia. Il potenziale cliente può guardare le foto e gli annunci delle case anche a tempo perso, come non avrebbe mai fatto prima, visto che avrebbe dovuto prendersi quanto meno la briga di raggiungere la vetrina dell’agenzia.

Premesso che nessun social network può essere considerato la panacea alla contrazione delle compravendite, sicuramente “esserci” può diventare un driver strategico per il marketing immobiliare.

Lascia un commento

compravendita immobili origine donativaHome Staging