Troppa informazione nessuna informazione (se non gestita)

 In Agenzie immobiliari, MERCATO IMMOBILIARE

Se stai vendendo o cercando di acquistare una casa rischi ogni giorno, per parecchi mesi, di avere un sovraccarico di informazioni che devi assolutamente saper valutare e, direi, ancor prima disciplinare.
Internet e le nuove tecnologie, un contagio del “fai da te perchè risparmi” ed una diffusa “sindrome del tuttologo” espongono tutti noi ogni giorno ad una situazione in cui, appesantiti dalla zavorra delle troppe informazioni, finiamo per muoverci per tentativi, spesso sulla base di percezioni e false convinzioni.

La misura dell’informazione

Quando decidi di vendere una casa, avendone preventivamente verificato la VENDIBILITA’, la cosa più importante è trovare il cliente GIUSTO in base alle tue esigenze di sicurezza della transazione, di realizzo economico e di tempo.
Ugualmente quando decidi di acquistare una casa la cosa importante è trovare la casa GIUSTA in base alla tua effettiva capacità di spesa e ad una serie di esigenze di tipo personale che attengono al tuo stile di vita, ai tuoi gusti e a quelli dei tuoi familiari, alle tue esigenze di mobilità e di lavoro, ecc…

In entrambi i casi la ricerca può trasformarsi in un INCUBO, proprio a causa delle tantissime informazioni che sei costretto a gestire e soprattutto se non hai vicino qualcuno che possa aiutarti ad interpretarle.

Informazione e probabilità

Secondo un’indagine Doxa del 2017 l’87% delle persone che cercano casa online trova l’attività DIFFICILE o MOLTO DIFFICILE, mentre il 42% abbandona la ricerca o per mancanza informativa o per eccesso di informazioni comunque poco utili.
Ugualmente chi vende una casa vive di norma una situazione di grande confusione dovuta alla giostra dei vari messaggi (vendi da solo, vendi con il web o con facebook, vendi con il passaparola, vendi con più agenzie senza firmare nulla, vendi con l’agenzia che fa la valutazione più alta, vendi con chi non ti chiede provvigioni).

Tutto questo per riuscire a trovare quell’unico cliente GIUSTO.

Informazione e elaborazione

L’AGENTE IMMOBILIARE in questo contesto dimostra la sua efficacia solo se, alla competenza nel valorizzare le proprietà che tratta (analisi documentale preventiva e una strategia di marketing corretta), unisce la “bestia nera” di tutti gli agenti immobiliari cioè la pre-qualificazione e profilazione del cliente acquirente: ciò significa conoscere ESATTAMENTE cosa i propri clienti acquirenti vogliono/possono acquistare ed utilizzare questi dati a vantaggio di tutte le parti coinvolte.

Per fare questo è necessario un grande investimento in una strategia CRM (Customer Relationship Management): investimento organizzativo, strategico e di comunicazione che necessita anche di un valido strumento tecnologico.

Quando un cliente entra in contatto con la nostra agenzia con un’esigenza, da qualsiasi canale ciò avvenga, attiviamo da subito un sistema (processo) di profilazione, identificandone i bisogni e mappandone le esigenze attraverso un’INTERVISTA che, inserita in un sistema gestionale ci consente di accedere al suo “profilo” (necessità/bisogni/caratteristiche), per fargli arrivare le proposte più adatte (a target) e fornendogli solo le informazioni oggettivamente utili (*).

Questo patrimonio di informazioni gestite e ordinate, unita alla conoscenza del territorio, è il plus più importante e sicuramente esclusivo che possiamo offrire a chi deve vendere o affittare il proprio immobile ed è l’unica garanzia di centrare l’obiettivo (**) al di là delle parole e delle promesse, spesso illusorie, provenienti soprattutto dal web.

 

(*) Un sondaggio del 2017 su un campione di 1500 agenzie immobiliari rivela che l’utilizzo del gestionale è limitato alla sola pubblicazione di annunci nel 60% dei casi e solo il 36% utilizza un sistema CRM

(**) Nel 2017 la media dei tempi di vendita degli immobili del nostro portafoglio è del 30% inferiore alla media nazionale.

Lascia un commento

Legge di bilancio 2019